Elena Bellantuono cosa l’ha portata a riprendere le redini dell’azienda di famiglia ?
 
Dopo quasi trent’anni  di esperienze  vissute  nelle realtà del  prêt-à-porter italiano  (Versace, Ferré, Pucci, ed altri),  ho deciso di tornare
nella mia terra,  la Puglia,  tra i miei affetti,  riversando quanto ho appreso  nell’anima creativa e  produttiva della nostra azienda,  che  ha
deciso di puntare sul made in Italy e su tessuti e pizzi pregiatissimi,  scegliendo di mettere,  ancora una volta, al primo posto l’attenzione
per i nostri clienti e l’amore per la qualità.
 
 
Qual’è la storia di Bellantuono Bridal Group?
 
è sempre stata,  sin dalla sua  fondazione avvenuta cinquant’anni fa, un’azienda rigorosamente familiare:  fondata dai miei nonni e i miei
genitori  hanno  seguito  la  tradizione  conciliando  le  regole  dell’alta  sartoria,  della qualità,  con le esigenze  di  un mondo  in continua
evoluzione, assicurando un servizio eccellente, elevati standard produttivi e l’attenzione nei confronti di ogni cliente.
 
 
Quali linee producete e con che caratteristiche?
 
Produciamo  e  distribuiamo  in  licenza  “Blumarine Sposa”  dallo  stile  romantico  e  femminile  che  viene  declinato  oltre  le mode e le 
tendenze; Bellantuono  “Le Collezioni” nata per soddisfare le  esigenze di una sposa giovane,  contemporanea, come le nuove millenians
che vogliono sorprendere  indossando creazioni  che vanno  dal sexy  ad un forma  più rigorosa; ed infine, “Bellantuono Sartoria”  ispirata
all’artista francese Émile Gallé:gli ornamenti floreali, le forme sinuose e la leggerezza dell’Art Nouveau dedicate a una donna sicura di sé
che ha voglia di stupire con il suo romanticismo.